PER RICEVERE LA NEWSLETTER PER CONTATTARCI
SCRIVI ALLA REDAZIONE | SEGNALA AD UN AMICO | STAMPA

Fatti :: 2011


Liguria e Toscana: Prosolidar destiner un contributo straordinario per sostenere la ricostruzione nelle zone alluvionate.

Prosolidar non far mancare il proprio aiuto alle popolazioni colpite dall'ennesima catastrofe naturale.
Condizioni atmosferiche eccezionali, certamente, ma quanto si sarebbe potuto fare in questo caso, come in altri casi che abbiamo dovuto commentare nei quali l'incuria, l'abbandono o peggio la rapina del territorio hanno ingigantito e reso drammatici gli effetti di una natura che sta facendo sentire tutta la sua forza ?

Fatalità, omissione o colpa grave? Non sappiamo e non ci interessa sapere sotto quali bandiere viene sgovernato il nostro povero territorio. Ci interessa molto di più non assistere passivamente ad ogni calamità naturale come se fosse una maledizione divina. Quanti altri 25 ottobre dovremo vedere trascorrere, con notizie di morti, dispersi, di case distrutte per ragioni che tutti conosciamo? La nostra non è e non vuole essere facile retorica, ma andiamo a vedere quanto il nostro Paese ha speso e spenderà per difendere il suo territorio e con esso i suoi abitanti?  E' forse questa una difesa meno importante di quella che dobbiamo garantirci dai nemici esterni? Le tasse sono aumentate vertiginosamente, gli investimenti per la messa in sicurezza di migliaia di siti a rischio, precipitati. C'è qualcosa che non torna. Come in altre occasioni abbiamo fatto nel passato, come intendiamo continuare a fare nel presente e nelfuturo, continueremo il nostro impegno solidale.....ma non ci stancheremo di richiamare tutti coloro che hanno sulle loro spalle una responsabilità al pieno rispetto della loro funzione. Il Paese è allo stremo, gli italiani sono allo stremo. Il rischio che l'Italia corre, oltre quello di piangere altri morti in futuro è quello di vedere rarefarsi sempre di più la speranza di un vero cambiamento, a cominciare dalla tutela del bene comune e della vita dei cittadini!