EMERGENZA COVID - VIOLENZA SULLE DONNE

Dati generali progetto

Anno: 2020
Paese: Nepal
Località: Katmandu
Associazione: Apeiron
Valore del progetto: € 4.182,00
A carico di Prosolidar: € 4.182,00
Percentuale finanziata: 100,00%


Obiettivo:

L’Obiettivo Generale (OG) del progetto è quello di rafforzare la risposta alla violenza di genere attraverso azioni integrate di protezione e empowerment.

Destinatari:

Beneficiarie dirette saranno tutte donne e ragazze che hanno subito una qualche forma di violenza di genere. Il numero preciso dei destinatari del presente intervento non è prevedibile a priori. Si stima tuttavia di poter raggiungere, grazie al sistema virtuale, almeno 300 donne da quando lo stesso sará operativo (ossia dopo circa due mesi dalla data di inizio del progetto) ed un minimo di 20 ad un massimo di 40 con fondo flessibile. La differenza dipende dalle somme che verranno elargite alle singole beneficiarie e che saranno determinate in base all’effettivo bisogno.

Descrizione progetto

In gran parte dei paesi colpiti dall'epidemia COVID-19 si è osservato che l’estensione della quarantena e di altre misure di isolamento e distanziamento sociale hanno aumentato il numero di casi di violenza domestica. Le famiglie sono sotto stress, devono affrontare gravi problemi economici e sanitari, e sono costretti a dividere spazi abitativi ristretti. Molte donne ora si trovano confinate e isolate con i maltrattatori domestici e non possono contare su aiuti esterni (anche chiamare le hotline nazionali è impossibile).

In Nepal, la situazione è incerta per tutti, ma soprattutto per le donne, il timore è che non riescano a sostenersi nei prossimi mesi, dato che molte, quando è iniziato l’isolamento, avevano lavori ancora precari e si sono ritrovate d’un tratto senza alcuna remunerazione e con pochi risparmi su cui poter contare.

Con la presente proposta si intende garantire che donne e ragazze vittime di violenze possano accedere ai servizi di supporto a loro destinati, rivisti ed adattati a seguito della pandemia che ha ulteriormente esacerbato le disuguaglianze e le discriminazioni.

In particolare la proposta in oggetto si articola in due componenti tra complementari:

  • Sistema virtuale di presa in carico mediante la creazione di una pagina sulla piattaforma FACEBOOK ed il suo collegamento al servizio di VIBER
  • Contributi economici secondo il sistema cd. Flexible Funding